Make your own free website on Tripod.com
AVVERTENZA
il contenuto di queste gallerie è proprietà privata
né i testi né le illustrazioni possono essere ripubblicate né usate per alcuno scopo senza il consenso dell'autore


torna all'
INDICE DELLE GALLERIE
~~ Galleria 4 ~~
varianti dello
stile internazionale
torna all'
INDICE DELLE GALLERIE


desidero ringraziare Stuardt Clarke per avermi gentilmente fornito il mazzo con indici in Braille

Questa pagina illustra alcune varietà del mazzo internazionale (quello classico, con 52 carte a semi francesi) che non sono ispirate a tematiche di fantasia, né tantomeno appartengono agli stili regionali, per le quali è quindi difficile trovare una definizione diversa da quella di "varianti".
Questi mazzi sono disegnati per scopi specifici, sebbene in realtà qualsiasi gioco possa essere praticato con la maggior parte di essi.



CARTE DA BLACK JACK O A INDICI GRANDI

Le carte a indici grandi sono il tipo più comune. Consistono nello stile tradizionale le cui ilustrazioni centrali sono di dimensioni leggermente ridotte e contornate da una riga, mentre gli indici, solitamente due, sono assai più grandi di quelli soliti. In alcune edizioni le carte non figurate hanno uno sfondo di colore chiaro (grigio, crema, ecc.).


marca Pingüim a indici grandi, di SO.IM.CA. (Brasile)

mazzo a indici grandi di Falcon (Regno Unito)


Mazzi di questo tipo sono spesso utilizzati da persone con problemi di vista per giochi generici, come il Poker o il Bridge. Ma il principale scopo per cui sono stati creati, non molto tempo fa, è il loro impiego sui tavoli di Black Jack e simili giochi da casinò, nei quali il mazziere siede spesso ad una certa distanza dagli altri giocatori.


500

500 è il gioco nazionale australiano, ma viene praticato anche in Nuova Zelanda e negli Stati Uniti. In effetti ebbe origine in quest'ultimo paese, come variante del più popolare Euchre. Lo speciale mazzo che si può reperire in Australia si compone di 63 carte, 62 delle quali fanno parte dei semi, mentre l'ultima è un jolly. I semi rossi (cioè Cuori e Quadri) hanno sedici carte ciascuno, con soggetti non figurati che arrivano fino al 13, mentre i semi neri (Picche e Fiori) hanno quindici carte l'uno, con soggetti non figurati fino al 15. Questi soggetti extra, cioè gli 11, i 12 e i 13 rossi sono le uniche particolarità del mazzo, in cui assi, figure e il singolo jolly sono del tutto normali. Inoltre le carte extra vengono usate solo per la variante di 500 a sei giocatori, mentre quella più spesso praticata ne prevede quattro.


CARTE CON INDICE IN BRAILLE

Bicycle (Stati Uniti) produce un mazzo che ha indici in Braille (in rilievo) sovrapposti a quelli larghi stampati. Ciò consente ai giocatori non vedenti di poter usare un mazzo standard per qualsiasi tipo di gioco.
Qualsiasi carta si riconosce da due caratteri, il primo dei quali indica un valore (tanto per le figure che per le carte non figurate), mentre il secondo indica il seme, ovviamente in inglese. In Braille le cifre sono scritte allo stesso modo delle prime lettere dell'alfabeto (ad esempio 1=A, 2=B, 3=C, ecc.).


mazzo a indici in Braille di Bicycle (Stati Uniti)

indici e valori espressi in Braille
Quindi "2C" (o "BC") è l'indice per il 2 di Fiori (2 Clubs), "KS" per il re di Picche (K Spades), "4D" (o "DD") per il 4 di Quadri (4 Diamonds), e così via. Poiché il 10 ha due cifre, il suo indice è "X", come nei numeri romani. Il jolly è indicato "JO", per distinguerlo dal jack ("J").




mazzo da Canasta di Modiano (Italia)
CARTE DA CANASTA

Questa varietà è specificamente realizzata per la Canasta, un gioco nato in America Latina agli inizi del '900, che attecchì rapidamente in molte altre parti del mondo nel corso della prima metà del secolo.
Nella Canasta non vi è differenza fra i Cuori e i Quadri (i semi rossi), né fra i Fiori e le Picche (quelli neri): i segni dei semi sono quindi raffigurati come punti dei due colori, non molto diversi da quelli del domino, mentre le figure sono semplificate, raffigurando sempre i tre stessi soggetti per ciascuno dei colori. I quattro indici sono quelli usuali.
Le carte da Canasta comprendono due jolly per mazzo (per un totale di sei).


Le uniche due edizioni di cui io sia al corrente sono prodotte da Dal Negro e Modiano (entrambi italiani).
Vi si notano piccole differenze. Per esempio, nella versione di Modiano uno dei due assi rossi è inscritto in un cerchio, rendendolo quindi distinguibile dall'altro asso dello stesso colore (anche se nel gioco ciò non ha alcuna finalità pratica), le figure sono piccole come nei mazzi a indici grandi descritti sopra, e il personaggio del jolly reca un canestro (canasta in spagnolo). L'edizione di Dal Negro, invece, ha jolly ordinari, ma l'asso è raffigurato con un punto più grosso, tutti i segni sono decorati, e le figure hanno uno sfondo grigio.

Poiché servono tre mazzi di carte per giocare a Canasta, questo stile esiste solo in confezioni da 162 carte, equivalenti a un triplo mazzo da 52 + 2 jolly.

mazzo da Canasta di Dal Negro (Italy)

Fino al 1972, anno in cui per le carte da gioco italiane venne meno l'obbligo di recare il bollo d'imposta, anche i mazzi da Canasta erano soggetti a tale norma; la carta su cui veniva apposto era quella solita, cioè l'asso di Cuori, che in questo particolare stile ha l'aspetto anzidetto di un punto rosso singolo con una riga intorno.


asso bollato, edizione di Modiano



CARTE DA TRENTE ET QUARANTE

mazzo da Trente et Quarante di Dal Negro (Italia)

Questo è un altro stile legato ad un gioco specifico, Trente et Quarante. In questo caso le illustrazioni sono diverse da quelle dei mazzi internazionali, ma non si tratta nè di carte regionali né di uno stile di fantasia.
Il gioco nacque in Francia, forse attorno alla fine del XVII secolo o nei primi del XVIII.
Un mazziere scopre due carte alla volta, disponendole in altrettante file chiamate Rouge e Noire (rosso e nero), finché la somma delle carte in qualsiasi delle due file non raggiunga 31 o più punti. Se ciò avviene tanto nella Rouge che nella Noire contemporaneamente, vince la fila il cui totale si avvicina di più a 31.

Il gioco si basa interamente sulle puntate, ed ha una vaga rassomiglianza con lo schema della roulette: i giocatori non ricevono mai carte in mano, ma si limitano a scommettere su quale delle due file raggiungerà per prima 31, e se ciò avverrà con una carta di seme rosso oppure nero.
Il gioco è diffuso in Francia, ma è praticato anche in molti altri paesi europei.

Diversi produttori italiani hanno in catalogo uno specifico stile Trente et Quarante, che un po' ricorda le Lombarde e le Piemontesi (cfr. la galleria italiana).
Né le figure né le altre carte hanno indici, e il mazzo non contiene alcun jolly.
Anche le dimensioni di queste carte sono simili agli stili regionali, essendo più strette e leggermente più piccole dei soliti mazzi da Bridge o da Poker.




mazzo da Trente et Quarante di Modiano (Italia)


ALTRE GALLERIE

stili di fantasia advertisement decks sizes, shapes and colours tarots non-suited cards Mercante in Fiera Uta Karuta, Iroha Karuta, Dôsai Karuta Âs Nas
stili regionali: Italia stili regionali: Spagna stili regionali: Germania stili regionali: Austria stili regionali: Svizzera stili regionali: Francia stili regionali: Svezia stili regionali: Portogallo stili regionali: Cina stili regionali: Sud-Est Asiatico stili regionali: Giappone stili regionali: India fogli non tagliati espressioni e proverbi

o ritorna a

introduzione e note storiche
INTRODUZIONE
E NOTE STORICHE
glossario multilingue
GLOSSARIO
MULTILINGUE
il Matto e il Jolly
IL MATTO &
IL JOLLY
tabella degli indici
TABELLA
DEGLI INDICI
giochi regionali
GIOCHI
REGIONALI
links ad altri siti
LINKS AD
ALTRI SITI